La culla per neonati. Una guida alla scelta

In vimini, da attaccare al lettone o trasformabile in lettino e scrivania. Ci sono culle di tutti i tipi: ecco i consigli per scegliere la culla giusta per il vostro neonato

Si tratta di una delle prime cose che vengono acquistate in vista della nascita. Al momento della scelta della culla, si apre un mondo fatto di modelli, materiali, colori e dimensioni.

Difficilissimo capire pregi e difetti di ogni culla, soprattutto per i genitori alla prima esperienza. Difficile scegliere senza conoscere il bambino che ci dormirà dentro. 

Ecco tutto quello che bisogna sapere prima dell’acquisto.

La navicella del trio, per i primi mesi

Utilizzare la navicella del passeggino-trio poggiata a terra come culla nei primi mesi di vita del neonato può essere una buona opzione. Ha alcuni vantaggi: non è troppo ingombrante, si utilizza anche per portare a passeggio il bimbo e senza spostarlo (soprattutto se dorme).

Le sue dimensioni sono particolarmente adatte ai primissimi mesi, quando il neonato ha bisogno di contenimento e spazi ristretti.

La culla vintage, per chi non ha problemi di spazio

La culla per neonati in vimini ha un grandissimo fascino. Che sia originale o nuova, sta bene in case moderne o rustiche. Se vi piace lo stile e non avete problemi di spazio, potete sicuramente recuperare la culla della nonna o acquistarne una simile.

Sono culle più ingombranti di quelle contemporanee e poco versatili. Si usano per i primi mesi e poi si sostituiscono quando serve il lettino.

Un’alternativa alla culla di vimini è la cesta port enfant. Quella venduta da Picci è una vera e propria cesta con carrello in legno naturale e cestone in palma, con trapuntina disponibile in vari colori.

culla per neonato vintage

La culla per il cosleeping

Che sia per comodità o per filosofia del cosleeping (cioè per chi ama dormire a stretto contanto con il bebé), la culla attaccata al lettone è una delle più vendute.

La culla consente al neonato di dormire nel suo lettino, stando però a lato del letto di mamma, che durante la notte può allattare senza doversi alzare.

Ce ne sono di tantissimi modelli: in legno, Culla Belly prodotta da Pam Baby. E’ una culla che si può attaccare in tutta sicurezza al lettone, trasformandosi in cododo, parola francese che traduce l’inglese side bed. Un lettino a portata di braccio.

La culla Next2me di Chicco ha le sponde rivestite in tessuto, è leggera e regolabile in altezza.

Molto conosciuta è anche la culla Kinderkraft Uno, regolabile in altezza per adattarsi a ogni letto e con materassino inclinabile.

culla per neonati - cosleeping

La culla trasformabile

Tra le culle per neonati, quelle trasformabili sono quelle che si sfruttano di più. Lineari nella forma, le culle moderne diventano un lettino, un divanetto o una cesta portaoggetti. Occupano poco spazio e sono quasi sempre molto leggere e maneggevoli.

Una delle più complete è la culla Cododo di Micuna, che è una culla in legno, volendo anche adattabile al cosleeping. In pochi passaggi (e senza l’utilizzo di attrezzi) si trasforma in scrivania o in cesta portagiochi.

culla per neonati - modello trasformabile

La culla da viaggio

Per chi pensa di spostarsi spesso, ci sono modelli che si piegano e trasportano facilmente (quasi sempre corredati da fantastiche borse super-compatte). Le spondine sono in tessuto o in rete che rendono la culla ancora più leggera.

La culla Lullago Zip di Chicco è una culla che, aprendo una zip, si allunga fino a diventare un lettino. La struttura è facilmente smontabile e può essere portata in viaggio.

Anche la culla Hauck Dreamer si allunga a lettino e si ripiega in modo semplice e veloce. La tasca laterale serve per riporre cuccio, acqua o latte.

culla per neonato - trasportabile

Culla appesa

Molto particolari sono le culle appese, che dondolano naturalmente il bambino ricordando i confortanti movimenti uterini.

La culla Cradle prodotta da Lender si appende al soffitto (o in una apposita struttura in legno) ed è rivestita con stoffe chiare naturali.

La Kaya Natura di Amazonas è  un’amaca a tutti gli effetti. Permette al bambino una posizione del tutto naturale ed ergonomica.

Togliere le sbarre alla culla

Altra tendenza in voga è quella di togliere le sbarre a culle e lettini, per evitare che il bambino abbia la sensazione di essere in prigione e di non potersi guardare intorno o muovere.

La Ulla Supereroe in erba prodotta da Lender è una culla che accompagna il bambino nella sua crescita. Da culla si trasforma in lettino con le sbarre e poi in lettino senza sbarre.

culla per neonati - modelli senza sbarre

Iscriviti alla newsletter

X